10 luglio 2018 Livio

Le strade di Roma sono una bolgia dantesca: Referendum unica soluzione

“Le notizie di questi giorni, che raccontano di autobus fermi in attesa di manutenzione a causa del mancato funzionamento dell’aria condizionata, di passeggeri che dopo aver aspettato ore al caldo si scagliano contro gli autisti per tentare di salire su mezzi nei quali starebbero ancora più al caldo, di dipendenti che temono addirittura di subire aggressioni, compongono un affresco che ha le tinte della bolgia dantesca”, lo affermano in una nota Riccardo Magi e Alessandro Capriccioli, promotori del referendum ‘Mobilitiamo Roma’, per la messa a gara del servizio di trasporto pubblico nella capitale.

“Dopo il vertiginoso incremento dei ‘flambus’, che prendono fuoco durante il tragitto, si aggiunge l’ennesimo tassello a una situazione ormai del tutto fuori controllo, nella quale la mancanza di manutenzione determina conseguenze disastrose per il servizio e quindi per i cittadini.
Se Atac non coincidesse di fatto con Roma Capitale, e se il servizio fosse stato affidato attraverso una gara europea, una situazione del genere comporterebbe delle conseguenze gravissime a carico del concessionario: il quale invece, allo stato attuale, può continuare imperterrito a produrre disservizi su disservizi. In questo quadro, quanto proposto dal referendum ‘Mobilitiamo Roma’, che si terrà l’11 novembre, rimane l’unica soluzione di sistema che consentirebbe di uscire da questo vero e proprio incubo. Ci auguriamo che tutti i romani, oggi sottoposti a questo strazio, rispondano con il voto e si concedano la possibilità di voltare pagina”, concludono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *