Perché investire in arte?

61374144a6af6(1)
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Investire in arte non è diverso. Dobbiamo chiederci: "Qual è il tasso di rendimento atteso e quali sono i rischi?" Oltre a questi criteri, l'investimento nell'arte

Quando investiamo in qualcosa, cerchiamo di massimizzare il nostro ritorno su quell’investimento, dato un certo livello di rischio accettabile. Tutti gli investimenti finanziari comportano un equilibrio tra rendimento e rischio. Investire in arte non è diverso. Dobbiamo chiederci: “Qual è il tasso di rendimento atteso e quali sono i rischi?” Oltre a questi criteri, l’investimento nell’arte offre altri vantaggi di investimento. Quindi diamo un’occhiata a questi problemi nell’investimento nell’arte.

Quando investiamo in qualcosa, cerchiamo di massimizzare il nostro ritorno su quell’investimento, dato un certo livello di rischio accettabile. Tutti gli investimenti finanziari comportano un equilibrio tra rendimento e rischio. Investire in arte non è diverso. Dobbiamo chiederci: “Qual è il tasso di rendimento atteso e quali sono i rischi?” Oltre a questi criteri, l’investimento nell’arte offre altri vantaggi di investimento. Quindi diamo un’occhiata a questi problemi nell’investimento nell’arte.

Tasso di rendimento

Calcolare un tasso di rendimento dell’investimento artistico è difficile. La difficoltà sta nell’elaborare un indice di performance che rifletta accuratamente l’andamento dei prezzi dell’art. Dal momento che ci occupiamo di investimenti, sto considerando solo ciò che chiamo l’art.

Questa è l’arte offerta dalle principali case d’asta come Christie’s e Sotheby’s, non l’arte che potresti trovare in una galleria del centro. Certo, questo criterio non è preciso. Sono stati creati diversi indici per misurare le variazioni dei prezzi delle opere d’arte.

Uno degli indici più rispettati dell’arte investment grade è il Mei Moses All-Art Index. L’indice è stato sviluppato da due professori della New York University ed è spesso citato come il più affidabile nel descrivere le fluttuazioni dei prezzi delle opere d’arte.

Questo indice indica che i prezzi dell’arte hanno quasi eguagliato la performance delle azioni e che in alcuni periodi il tasso di rendimento dell’arte ha battuto il mercato azionario. Ciò porterebbe il tasso di rendimento annualizzato vicino al 6%.

Altre stime per la crescita dei prezzi dell’arte non sono state così ottimistiche. In effetti, alcune stime pongono il tasso di rendimento vicino allo zero. Uno studio diretto da Luc Renneboog all’Università olandese di Tilburg stima che il tasso di crescita dal 1970 al 1997 sia di circa il 4%.

Possiamo ipotizzare che il tasso di rendimento a lungo termine per l’arte di qualità da investimento sia compreso tra il 2% e il 6% con il 4% probabilmente una stima abbastanza decente a seconda del pacchetto di opere d’arte. Nell’economia di oggi, dove i certificati di deposito hanno un rendimento vicino allo 0% , un rendimento del 4% sulle opere d’arte sembrerebbe interessante.

Diversificazione delle risorse

È una premessa fondamentale della gestione finanziaria che la diversificazione delle attività possa ridurre il rischio complessivo di un portafoglio di attività. L’aggiunta di nuove attività finanziarie a qualsiasi portafoglio dovrebbe servire a ridurre i rischi, soprattutto se la performance della nuova attività non è direttamente correlata con altre attività in portafoglio.

Sebbene le oscillazioni dei prezzi delle azioni e delle belle arti siano spesso parallele, non sono sempre perfettamente sincronizzate. I prezzi delle azioni di solito riflettono l’attività economica, mentre l’arte non è così direttamente influenzata.

Protezione contro l’inflazione

La proprietà immobiliare può fornire una copertura contro l’inflazione. Considerando che l’inflazione può intaccare il valore delle attività monetarie come obbligazioni e certificati di deposito. Come gli immobili, le monete e l’oro, l’arte è una proprietà reale.

Sebbene l’offerta di opere d’arte continui a crescere, la domanda di opere d’arte di qualità da investimento sta crescendo ancora più rapidamente. Renoir e Picasso hanno smesso da tempo di dipingere. I periodi di iperinflazione, hanno sempre visto enormi aumenti dei prezzi delle belle arti investment grade.

Vantaggi fiscali

Come è stato notato in precedenza, i profitti a lungo termine sono tassati ad aliquote inferiori rispetto al reddito ordinario. Inoltre, un portafoglio in arte offre la possibilità di altri vantaggi fiscali se il proprietario dona l’arte a enti di beneficenza qualificati, in particolare musei. Allo stesso modo, i beni artistici possono svolgere un ruolo significativo nella pianificazione patrimoniale di un individuo.

Sebbene le attuali aliquote fiscali ridotte per i guadagni a lungo termine e le tasse sulla proprietà abbiano lavorato per ridurre molti di questi vantaggi fiscali, questi tagli fiscali dovrebbero scadere nei prossimi anni. Potrebbero nuovamente emergere nuovi schemi fiscali che favoriscano i vantaggi fiscali dei beni d’arte.

La gioia di collezionare

Ci sono altri vantaggi che possono derivare dall’investimento nell’arte: le gioie di collezionare ed esporre una collezione d’arte. Si potrebbe obiettare che se hai intenzione di collezionare arte comunque, potresti anche perseguire seriamente il collezionismo con l’obiettivo di trarre un profitto finale dal processo. C’è il rischio di sviluppare la mentalità di un collezionista se stai cercando un guadagno finanziario.

Gli investitori fanno soldi in arte quando vendono ai collezionisti, non il contrario.

Sommario

Allora perché investire nell’arte? Probabilmente la ragione più convincente è la riduzione del rischio di portafoglio attraverso la diversificazione e come copertura contro l’inflazione. Sebbene un ritorno sull’investimento del 4-6% superi le attività basate sul denaro, è inferiore alle azioni e ai metalli preziosi.

Tuttavia, il prezzo riflette l’offerta e la domanda. L’offerta di arte da investimento sta diminuendo man mano che gli artisti contemporanei gravitano sui mezzi di arte elettronica. La pittura su tela per l’attuale generazione di artisti è superata e le nuove forme elettroniche di creazione artistica non aggiungono nulla all’inventario dell’arte commerciabile.

Questa tendenza potrebbe non essere immediatamente avvertita sul mercato dell’arte, ma potrebbe avere un effetto enorme tra venti o trent’anni. E l’investimento nell’arte è sempre una proposta a lungo termine.

Combinando i possibili guadagni finanziari derivanti dall’investimento nell’arte con il piacere emotivo di possedere ed esporre l’arte, l’investimento nell’arte può diventare “reddito”.

Subscribe to our Newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Share this post with your friends

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
On Key

Related Posts